Guida SEO | EU Web Agency

Guida SEO: Ottimizzazione del sito per i motori di ricerca

  • Stai cercando una guida SEO gratis?
  • Oppure cerchi una guida SEO per principianti e non solo?
  • Come funzionano i motori di ricerca?
  • In che modo scrivere testi ottimizzati SEO?
  • Quali sono i migliori SEO tool?

Con la guida SEO di EU Web Agency risponderemo a queste e molte altre domande.

google adwords

EU Web Agency si occupa di ottimizzazione SEO per i motori di ricerca.

GUIDA SEO: COSA INTENDIAMO PER SEO

Vogliamo iniziare la nostra guida SEO spiegando cosa significa SEO.

Col termine inglese SEO, Search Engine Optimization, intendiamo l’ottimizzazione del sito per i motori di ricerca.

SEO è l’insieme di tecniche, strategie e attività che hanno lo scopo di aumentare la visibilità del sito web nelle ricerche organiche sui motori di ricerca.

Ci sono moltissime attività da implementare in una strategia SEO e riguardano molti aspetti di un sito web. Le attività principali riguardano l’ottimizzazione della struttura del sito e del codice HTML, l’ottimizzazione dei contenuti, la gestione dei link in entrata e dei link in uscita e dal 21 Aprile 2015 l’ottimizzazione per i dispositivi mobili.

Quando parliamo di ottimizzazione SEO per i motori di ricerca ci riferiamo soprattutto all’ottimizzazione per Google, che copre la quasi totalità delle ricerche. Per questo è importante capire e studiare il funzionamento dell’algoritmo di Google che è in continua evoluzione e viene costantemente aggiornato.

GUIDA SEO: RISULTATI ORGANICI E RISULTATI A PAGAMENTO

SEO guida

Per risultati organici intendiamo i risultati non derivanti da annunci a pagamento, quindi quei risultati che Google decide essere rilevanti per la ricerca effettuata dall’utente. Ed è proprio in questa situazione che diventa importante ottimizzare il sito web dal lato SEO.

Con risultati a pagamento ci riferiamo invece a quei risultati che  sono visualizzati ai primi posti delle ricerche o sulla colonna di destra di Google. Sono facilmente individuabili in quanto segnalati con la scritta “Ann” evidenziata in giallo. Sono annunci a pagamento PPC (Pay per Click) e sono creati grazie all’utilizzo di Google Adwords.

GUIDA SEO: COME FUNZIONA IL MOTORE DI RICERCA?

Prima di andare a vedere nel dettaglio in cosa consistono le attività SEO, con questa guida SEO vogliamo spiegare  come opera un motore di ricerca.

Il funzionamento dei motori di ricerca è molto semplice e segue questi step:

  • Crawling
    Si tratta di un software che analizza i contenuti della rete in modo metodico e automatizzato per conto del motore di ricerca. Questo software è chiamato in vari modi: crawler, web crawler, spider o robot.
  • Indicizzazione
    Si tratta dell’inserimento nel motore di ricerca dei contenuti analizzati in fase di crawling, in altre parole è il modo in cui il sito viene acquisito e interpretato dal motore di ricerca.
  • Ordinamento / Ranking
    Si tratta dell’ordine in cui il sito web (o meglio la pagina del sito web) compare nelle pagine di risposta dei motori di ricerca alle interrogazioni degli utenti.

GUIDA SEO: COME FA GOOGLE A DETERMINARE IL TUO RANKING?

In che modo Google stabilisce il posizionamento organico del sito web sul motore di ricerca?

Google determina il ranking dei siti web utilizzando un algoritmo complesso che tiene conto di più di 200 fattori differenti. Questi fattori non sono stati resi pubblici, tuttavia un buon consulente SEO, grazie alle prove fatte e all’esperienza,  sa quali sono i più importanti.

È importante notare che Google rivede continuamente l’aggiornamento dei risultati di ricerca. Per questo motivo può capitare che un sito web mostrato oggi in prima posizione sui motori di ricerca, potrebbe potenzialmente non essere sulla prima pagina la settimana successiva; e non c’è nessun pulsante magico che un consulente SEO possa premere per garantire il primo posto o addirittura la prima pagina di Google.  Nonostante questo, prestando attenzione ad alcuni fattori e lavorando attivamente e costantemente per migliorare, si può arrivare a vedere un costante miglioramento del posizionamento del sito web su Google.

GUIDA SEO: PUNTI SEO SUI QUALI LAVORARE

guida seo

1 SCELTA DELLE KEYWORD

La scelta delle keyword da utilizzare è la fase fondamentale di una strategia SEO.

I passi da seguire per scegliere correttamente le parole chiave per le quali posizionarsi sono i seguenti:

  • Analisi della propria attività e dei servizi offerti per capire con che parole o frasi vogliamo essere trovati sui motori di ricerca;
  • Controllo della SERP sui motori di ricerca per analizzare la concorrenza e capire il loro posizionamento su determinate parole chiave individuando la migliore controstrategia da adottare;
  • Utilizzare software come lo “Strumento per le parole chiave” di Google Adwords. Grazie a questo strumento saremo in grado di capire se le parole chiave che abbiamo individuato sono effettivamente quelle cercate dagli utenti, potremo analizzare i volumi di ricerca per ogni parola chiave ed avremo suggerimenti su altre parole chiave a cui magari non avevamo pensato.

L’analisi delle parole chiave è molto importante per le aziende in fase di costruzione, ad esempio per una start up che sta decidendo il suo nome e deve acquistare un dominio. Un sito che utilizza come  nome di dominio una parola chiave che lo riguarda acquista un valore maggiore di un sito che ha un nome di brand slegato dalla sua parola chiave. L’importanza di questo fattore sembrerebbe in fase calante, ma rimane ancora rilevante.

2 SEO ON PAGE

  • OTTIMIZZAZIONE SEO DEL CODICE HTML

All’interno della fase di ottimizzare SEO on page, prende grande importanza l’ottimizzazione della struttura HTML del sito. Il codice HTML, che sta dietro al sito e che risulta invisibile agli utenti, è invece molto visibile dagli spider dei motori di ricerca che da esso traggono importanti informazioni sul sito.

Le ottimizzazioni SEO che si possono fare a livello di codice riguardano:

    • TAG TITLE

      Serve ad indicare agli spider di Google, nonché agli utenti, il titolo di ogni singola pagina per far capire l’argomento trattato. Il Tag Title risulta visibile nello snippet dei risultati di ricerca.

    • META TAG DESCRIPTION

      La Meta Tag Description è l’anteprima della pagina visibile nello snippet dei risultati di ricerca. In realtà non ha un effetto SEO diretto, Google infatti non tiene conto del testo inserito, ma ha un effetto SEO indiretto in quanto un messaggio chiaro e accattivante può invogliare gli utenti a cliccarci sopra. Questo porterà traffico che si tradurrà in un punto a favore dal lato SEO. La lunghezza della Meta Tag Description dovrebbe essere intorno ai 155 caratteri e non dovrebbe superare questa cifra. Google infatti taglierà la parte del testo in eccesso.

    • SITEMAP

      È la mappa del sito che indica agli spider di Google come navigare all’interno del sito. Questo è molto importante per garantire l’indicizzazione di tutte le pagine.

    • TAG HEADING

      I Tag Heading sono titoli e sottotitoli di paragrafi delle pagine del sito. Grazie a questi titoli possiamo dividere la pagina in modo chiaro e far capire sia agli utenti che al motore di ricerca l’argomento che si sta trattando. Questi Tag vengono identificati con la lettera H e vanno da 1 a 6 in ordine di importanza: H1, H2, H3, H4, H5, H6. Quindi daremo il tag H1 al titolo principale della pagina (che dovrebbe contenere la parola chiave sulla quale abbiamo costruito la pagina), mentre useremo gli altri tag per dare i titoli ai paragrafi con cui dividiamo la pagina.

    • ATTRIBUTO ALT

      L’attributo ALT è un testo da inserire nelle immagini. Gli spider non riescono infatti a leggere il contenuto di un’immagine e grazie a questo attributo andremo ad indicargli cosa vogliamo rappresentare attraverso l’immagine.

    • URL

      Anche le url hanno bisogno di essere ottimizzate. Devono contenere indicazioni sul contenuto della pagina in modo chiaro per facilitare sia il lavoro dello spider che l’esperienza dell’utente.

    • STRUTTURA DEL SITO

      La struttura del sito deve essere “gerarchica” o “ad albero” per essere facilmente scansionabile dagli spider dei motori di ricerca. Inoltre tutte le pagine interne del sito dovrebbero essere tra loro collegate e non ci dovrebbero essere link rotti che portino a pagine inesistenti (il classico errore 404).

 

  • OTTIMIZZAZIONE DEI CONTENUTI / SEO COPYWRITING

SEO copywriting

I contenuti del sito sono insieme ai link (di cui parleremo più avanti) la parte più importante in ottica SEO.

La frase che sentiamo spesso pronunciare quanto parliamo di SEO è “Content is King!”

Ogni pagina del sito dovrebbe contenere contenuti di qualità che siano utili ed interessanti per gli utenti. Ogni sito deve essere ricco di contenuti per essere posizionato e mantenere la posizione nel tempo. Deve essere inoltre costantemente aggiornato con nuovi contenuti. Questo è il motivo per il quale molte aziende utilizzano un blog aziendale.

I contenuti devono essere unici ed originali. Non possono essere copiati da altri siti pena una penalizzazione che incide sui risultati di ricerca.

L’utilizzo delle parole chiave all’interno dei testi è probabilmente la pratica più conosciuta in ambito SEO. L’utilizzo delle parole chiave soprattutto nei titoli è una pratica importantissima, ma bisogna fare molta attenzione a non esagerare ed utilizzarle nel modo giusto. Ricordiamoci sempre che i testi vanno scritti per gli utenti e non per i motori di ricerca.

3 SEO OFF PAGE

Un altro fattore da tenere in considerazione quando si parla di ottimizzazione SEO, sicuramente il più importante insieme alla scrittura dei contenuti, è l’attività di SEO off page. Per SEO off page intendiamo la gestione dei link in entrata (link bulding) cioè i link su altri siti che puntano verso il nostro.

Google è stato creato basandosi sull’idea che le pagine con il maggior numero di link fossero anche le più interessanti e importanti e quindi quelle da premiare nei risultati di ricerca.

Dopo aver detto questo è facile intuire che maggiore sarà il numero di link in entrata verso il nostro sito, maggiore sarà la possibilità di meglio posizionarsi nella SERP dei motori di ricerca. Come esseri umani, siamo portati a pensare che un articolo letto sul sito della CNN o della BBC abbia più probabilità di essere veritiero piuttosto di un articolo scritto in un blog che magari non conosciamo. La ragione è che questi sono siti autorevoli e abbiamo fiducia nella loro veridicità. Google ha perfettamente capito che quando un utente effettua una ricerca sul motore si aspetta di ritorno una risposta che sia corretta ed affidabile. E lo fa presumendo che gli utenti linkino i siti di cui si fidano, che trovano interessanti o che offrano loro qualcosa.

La qualità del sito e delle pagina non è però solo calcolata sulla base della quantità dei link in entrata, ma anche sulla qualità di questi link.

Non tutti i link sono uguali e ci sono degli indicatori che Google tiene presente per stabilire il PageRank del sito. Questi fattori vengono calcolati in base al sito da cui proviene il backlink e vanno dall’anzianità del sito, alla pertinenza rispetto all’argomento trattato e all’ autorità.

Per migliorare il vostro PageRank avrete bisogno di più collegamenti a siti autorevoli. Google sa che i siti autorevoli non linkano i siti non autorevoli, ciò significa che più link si ottengono da siti di qualità, maggiore sarà la qualità del nostro sito.

Al contrario i link non autorevoli e che non hanno pertinenza col nostro business vengono percepiti da Google ed hanno un effetto negativo sul nostro PageRank. Per questo bisogna fare molta attenzione e controllarli continuamente.

Ma come funziona il PageRank di Google?

Questo sistema è stato chiamato PageRank dal fondatore Larry Page.

Google prende tutti i link in entrata e assegna al sito un numero compreso tra 1 e 10, in cui 1 è il meno autorevole e 10 è il più autorevole.

Il Pagerank è una scala esponenziale nella quale è previsto che andare da 1 a 2 sia più facile che andare da 3 a 4, che a sua volta, è più facile che andare da 5 a 6 e così via fino a 10. Ed è facile intuire che i siti con PageRank 10 (o PR10) sono un numero molto piccolo.

Oltre alla quantità e qualità dei link in entrata è molto importante parlare del tema della pagina da cui proviene il link e del suo Anchor Text. Ha infatti molto più valore un link che arriva da una pagina che tratta lo stesso tema della nostra e con un Anchor Text (la parola cliccabile sul link) pertinente col tema trattato.

Stiamo notando da diverso tempo che Google non sta aggiornando i Page rank dei siti. Per questo consigliamo l’utilizzo di un metodo alternativo per capire il grado di autorità del sito: si tratta del Domain Authority di Moz.

4 LOCAL SEO

local SEO

Molte delle ricerche eseguite su Google mostrano risultati per luoghi. Pensiamo soprattutto a ristoranti e locali, ma stanno sempre più crescendo le ricerche localizzate per qualsiasi azienda.

L’ottimizzazione dell’attività di local SEO si effettua tramite l’ottimizzazione della pagina Google My Business. Come tutti i sevizi di Google è anche questo gratuito e basta un’iscrizione per apparire nei risultati di ricerca localizzati.

5 SOCIAL SEO

I Social Media stanno diventando sempre più importanti per il business di qualsiasi azienda e stanno diventando fondamentali anche dal punto di vista SEO. Le condivisioni, più dei like, sono considerate da Google quasi alla stregua dei backlinks.

Il discorso sui Social Media è molto vasto. Quello che possiamo dire è che Google non dà la stessa importanza ad ogni canale social, possiamo infatti notare che l’importanza di tutto quello che rientra nel mondo Google (Youtube, Google+) è molto più significativa di quella delle altre piattaforme social come Linkedin, Twitter o Facebook.

6 RESPONSIVE SEO

Un altro punto fondamentale da tenere in considerazione quando si parla di SEO è l’ottimizzazione del sito per i dispositivi mobili.

Il 21 Aprile 2015 Google ha infatti introdotto una modifica all’algoritmo che valuterà se il sito è responsive o meno. In caso di risposta negativa penalizzerà il sito nelle SERP per ricerche effettuate da smartphone o tablet.

Questo cambiamento è molto apprezzato dai navigatori in mobilità, che si troveranno pagine ottimizzate per i dispositivi mobili. E’ molto meno apprezzato dai possessori di siti non responsive, i quali vedranno penalizzati i loro siti con un conseguente decurtamento del traffico.

7 SEO TOOLS

seo tools

Esistono molti SEO tools (detti anche strumenti SEO), sia a pagamento che gratuiti, che possono facilitare la vita dei consulenti SEO.

Esistono strumenti per la ricerca delle parole chiave, strumenti per l’analisi dei link in entrata, strumenti che analizzano la struttura del sito e ti danno informazioni su come migliorarlo, e molti altri ancora.

Di seguito la lista SEO too che verrà costantemente aggiornata (se avete suggerimenti su altri strumenti SEO che secondo voi funzionano bene segnalateceli):

KEYWORDS & COPYWRITING

CRAWLING E SPIDER

MOBILE

WORDPRESS

VELOCITÀ SITO

ANALISI

SOCIAL MEDIA

BACKLINK

Con questa guida SEO abbiamo voluto fare un’analisi generale del mondo SEO. La nostra agenzia offre una consulenza completa sulla parte SEO e non solo.

EU Web Agency è un’agenzia web con sede a Milano e Londra che propone un servizio completo di Realizzazione di siti web, Realizzazione app, SEO, Digital Marketing e Grafica. Lavoriamo con aziende e privati per realizzare, sviluppare, ottimizzare e pubblicizzare siti web professionali.

Claudio Colombo
Digital Marketing Manager | EU Web Agency
Connettiti con me su LinkedIn

preventivo gratutito
EU Web Agency

Scopri le altre aree di specializzazione di EU Web Agency

SITI WEB BASSO COSTO

REALIZZAZIONE SITI WEB BASSO COSTO

Siti web a 499€!
Clicca e scopri di piú sulle nostre offerte!

Guida SEO
  • Readers Rating
  • Rated 5 stars
    5 / 5 (5 )
  • Your Rating


2 replies on “Guida SEO | EU Web Agency

  • Anonimo

    È da tre ore che giro per la rete e questo articolo è la sola cosa interessante che trovo. Veramente promettente. Se tutte le persone che creano post facessero attenzione di fornir materiale apprezzabile come il tuo internet sarebbe indubbiamente molto più facile da leggere.

    Continua così!!!

    Rispondi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *